Rovine

Quando hai la sensazione che la vita stia cadendo a pezzi, come vecchie rovine, un mattone alla volta. Ancora più cruda questa sensazione quando capisci che non c’è una vera possibilità di ricostruire ma solo di rifugiarsi in quella parte non ancora crollata, sapendo che lentamente le crepe si allargheranno togliendo anche quell’ultima illusione di riparo. Vedere la propria vita sbriciolarsi, lentamente.
Ogni piccola scheggia di intonaco come un lamento, ma tanto è solo una piccola scheggia, cosa vuoi che sia, sono forte, siamo forti, non è un problema. Balle ! E’ un problema, solo che non voglio accettare che tutto stia crollando.
Non ho gli strumenti per ricostruire, non ho la forza per ricostruire ancora, le dita scivolano sugli appigli, come uno scalatore aggrappato alla parete sento i muscoli bruciare, le labbra aride nello sforzo di aggrapparmi a quell’esile spuntone di roccia. Non è nel mio carattere mollare, ma il peso è grande. Forse perché ho meno forza di prima, forse perché il problema è al limite delle mie capacità.

Lascia un commento