Natale?

Mi domando sempre perché festeggiare il compleanno di un palestinese a cui non fregava un cazzo di fondare una chiesa, ma solo di contestare il malcostume religioso del suo tempo. Perché dobbiamo essere obbligati a fare auguri a chiunque, comprare regali, mangiare come dei cessi.

Qualcosa non funziona, qualcosa che in questo 2012 suona troppo arcaico e falso. Avrebbe più senso festeggiare il compleanno del dio celtico Yule che cade al solstizio d’inverno, ovvero verso il 25 dicembre.
Poi c’è Horus (Egitto), Krishna (India), Mithra (Persia) e altri, tutti festeggiati nei giorni attorno il solstizio d’inverno, sarà un caso?

Lascia un commento