Les Paul mod #01

Oggi è stata la volta della mia amata Gibson Les Paul Standard 2008 a subire una modifica.
Questo modello di chitarra usciva con un, per me orribile, circuito su cui erano alloggiati i potenziometri.
Quasi tre anni or sono feci rifare da un liutaio il circuito, perché c’erano dei malfunzionamenti nei controlli di volume e tono e lo feci rifare in stile classico.
Il liutaio riutilizzò i condensatori originali.
Il miglioramento del controllo del suono e l’uso in quel periodo di amplificatori ogni volta diversi (non per mia volontà) fece passare in seconda linea la qualità del suono,.

Più laG15_3842 usavo e più ascoltavo delle Les Paul in azione e più mi accorgevo che qualcosa non mi piaceva.
Stabilizzatomi sull’uso di un amplificatore di piccola dimensione ma personalmente di alta qualità lo Yamaha YHR10c (obbligatorio in condominio con muri sottili e finestre sempre aperte) ho iniziato a curare di più la timbrica. Riuscivo a trovare un buon suono con tutte le altre chitarre ma con la Les Paul o era troppo “squillante” o troppo “impastato”.
Complice un’ordine su Thomann decido di comprare dei condensatori “decenti”. La scelta per non esagerare con i prezzi cade su due “Sprague Orange Drop 0.022µF” in sostituzione delle due “lenticchie” presenti.

Dopo una rapida preparazione del tavolo operatorio e selezione musicale Heavy Metal per darmi coraggio inizio l’operazioneG15_3843

Un primo tentativo di realizzare il “wiring” pre anni ’60 non ha dato risultati soddisfacenti a causa del potenziometri “moderni” ovvero logaritmici con un rapporto 80/60 dava dei picchi di volume/timbro non gradevoli anche se il suono complessivo era decisamente buono. In quel periodo si usavano potenziometri con un rapporto 60/40 che permetteva un progressione differente.
Ripiegando sul normale wiring (post ’60) il risultato è stato eccellente.
Il suono sempre equilibrato, mai troppo squillante o impastato sui bassi; ne è valsa decisamente la pena spendere 10€ di condensatori per dare nuova voce allo strumento.

 

Video del Test