Lanzarote – Day 5 (09-04-2017)

Lanzarote – Day 5 (09-04-2017)

Giornata dedicata al mercatino di Teguise, che devo ammettere un po deludente forse perché ci aspettavamo un mercato esclusivamente di prodotti ed artigianato locali, invece c’era di tutto e troppo, unica nota positiva è che Pia è riuscita a trovare delle pietre vulcaniche che cercava, la “olivina”, per poter realizzare nuovi oggetti di bigiotteria. Sempre in Teguise, dopo una sosta in un bar in piazza gestito da un “pirata” italiano, ci siamo immersi nelle atmosfere e nelle note del museo del Timple. Il museo è ospitato in una casa credo del XVI secolo ed è un capolavoro di struttura, ed è possibile visitare anche la parte non adibita a museo.

Il Timple è uno strumento a 5 corde di piccole dimensioni utilizzato per l’accompagnamento e le melodie nella musica tradizionale canaria e appena lo ascolti le immagini delle isole iniziano a scorrere nella mente. Nessun strumento è così fortemente legato a questa terra, ha un’accordatura particolare e una voce potente e melodiosa nonostante le dimensioni. 

Guarda la Galleria su Google Foto

 
Successivamente ci dirigiamo a Puerto del Carmen, per salutare la madre della nostra cara amica Rosamari, e abbuffarci di dolci, rigorosamente fatti in casa. Puerto del Carmen al sud di Arrecife già inizia ad essere una zona fortemente turistica, fortunatamente con un’archittetura rispettosa dello stile dell’isola. Nessuna casa supera i due piani e tutte rigorosamente bianche. Per chi desidera avere tradizione e “movida” credo che sia il luogo giusto.
Per completare la giornata con l’obbiettivo di fotografare il tramonto dalla costa ovest ci dirigiamo in quella direzione a visitare la zona de “El Golfo” con lo splendido “Charco Verde”, si tratta di una piccola conca di acqua, suppongo di origine vulcanica, praticamente situata in riva al mare dove cresce una colonia di alghe verdi dando così il nome a questo “piccolo lago”.

Proseguiamo per le “Salinas de Janubio” zona protetta di interesse culturale e naturalistico. Ci fermiamo al Mirador (il solito bar-ristorante) per un un buon succo di frutta aspettando il tramonto per cercare di rubare qualche buona fotografia. 

Missione compiuta, buone foto e un rientro in notturna per le strade interne di Lanzarote illuminate da una luna quasi piena,  con paesaggi surreali da film di fantascienza.

E il viaggio continua … Rico y Pia.