Eclissi, Stragi, Barboncini, Ebola

Eclissi.

Purtroppo complice la perturbazione che si è abbattuta sulla Spagna meridionale e che ha fatto sentire la sua presenza anche qui, le nubi l’hanno fatta da padrone e sinceramente mi scocciava andare a comprare un buon filtro per la macchina fotografica o gli occhialini da saldatore per vedere un 60% del sole coperto sempre che le nubi fossero generose.

Ma le notizie ? Dalla perla stupenda de “la Repubblica” che definiva il Sole un pianeta, ai vari catastrofisti che tra macchie solari, blackout delle comunicazioni, eclisse in concomitanza con equinozio di primavera i giornalisti si sono sbizzarriti in ogni direzione.

Sono stati invece molto interessanti i video in streaming dal nord europa dove l’eclissi era totale e non è mancata la notizia di un “turista dell’eclissi” attaccato da un orso polare. Ma cavolo vai a casa degli orsi polari per vedere l’eclissi e non ti preoccupi che potresti disturbare il padrone di casa.

Stragi.

Strage di Tunisi, alcuni giornalisti “famosi” sostengono che era stata progettata per eliminare turisti occidentali, ma allora questi grandi saccenti di giornalisti cosa mi diranno mai della strage nello Yemen ? C’erano degli occidentali travestiti da Sciiti ? La notizia riporta che sono state attaccate due moschee per un totale di circa 130 vittime.

Saranno stati sunniti i tre attentatori suicidi ? (i deficienti giornalisti continuano ad utilizzare la parola kamikaze, forse non sanno neanche cosa significhi veramente e che è una cosa esclusiva della cultura giapponese e non centra nulla con il massacro di innocenti civili).
Mi meraviglio che gli sbloccati di qualche testata sinistroide non incolpi il mossad, la cia o il nwo.
Rimane il massacro di civili, rimane l’ignobile atto di sfigati, violenti e crudeli, che uccidono per la propria libidine personale cercando giustificazione in una religione nata e cresciuta nel sangue di scontri fratricidi e stragi di innocenti.

Ebola.

“L’Oms rinviò di due mesi l’annuncio su ebola, temeva un crollo delle economie”. Questa notizia confermata da commenti venuti in possesso della  Asociated Press, tuttavia, dimostrano che i top manager dell’Oms vennero informati di quanto la situazione fosse disastrosa, ma aspettarono a dichiarare un’emergenza in parte perché l’annuncio avrebbe potuto far arrabbiare i paesi coinvolti, interferendo coi loro interessi minerari o altro.
Ci sono nomi e cognomi, mail che esortano a minimizzare. Facile farlo sulla pelle dei negri perché gli amici del salotto buono potrebbero perdere denaro.
Spero che ci sia un’azione giudiziaria perché questo è un crimine contro l’umanità.
Washingtonpost

Barboncini.

Pendendo lo spunto dal blog di un amico che definisce gli stilisti “barboncini che abbaiano e rompono i coglioni, ma non fanno un gran danno” in riferimento alla polemica di D&G con Elton John, mi viene da estendere il concetto a vari strati della società.

Sempre per colpa dei giornalisti, si ho una certa antipatia con la categoria, cioè no non con tutti, ma con la stragrande maggioranza che hanno perso il lume della ragione. Ma come si fa ad andare a chiedere a dei decelebrati come gli stilisti che vorrebbero vedere sparire praticamente il 99.8% della popolazione femminile perché è sopra la taglia 44, un’opinione sulla paternità e sui figli nati in modo non naturale (come naturale intendo mamma+babbo+parto). Questi signori hanno la lingua scollegata dal cervello per quanto concerne la realtà della vita, anzi credo che il loro cervello non abbia neuroni addestrati a comprendere la vita reale. Non sono capaci di riconoscere che esiste una realtà oltre la passerella …

Infanticidi in Francia.

Mi sembra che i francesi siano un po fuori di testa, era già successo nel 2006 e nel 2010 e ora altri quattro neonati trovati morti … nel congelatore. Ma voglio dire, ci sono mille modi per interrompere la gravidanza (la migliore in questo caso è la rimozione delle tube per lei e la vasectomia per lui, giusto per non rischiare), puoi anche partorire un figlio morto, per carità succede, ma cazzo non lo metti nel congelatore !!!!

Moneta unica per l’Unione eurasiatica

Anche questa è una notizia interessante e da tenere sotto controllo. Parrebbe che Vladimir Putin insieme a Nursultan Nazarbayev e Alexander Lukashenko (Bielorussia e Kazakhstan) abbia intenzione di definire una moneta unica, se riuscissero nell’intento prevedo che anche altre nazioni che hanno dei legami con la Russia potrebbero prendere in considerazione la cosa, creando di fatto un terzo polo monetario dopo Euro e Dollaro.