Corde Gibson Brite Wires

Gibson-Brite-Wire-Strings-10-046-5-PackCome avrete letto di corde ne ho cambiate parecchie, ultimamente complici i negozi online tedeschi avevo scoperto le Pyramid. Buone corde ad un prezzo ragionevole.
Da sempre ho avuto un debole per le corde in puro nickel e le Pyramid ne offrono diversi tipi.

Ora vivendo alle Canarie, dove il regime fiscale particolare non facilita l’acquisto sul web, mi sono dovuto adattare per trovare una soluzione alla scorta che mi ero portato dall’Italia e che sta terminando.
Qui si trovano facilmente le corde Gibson Brite Wires a circa 4,50€ alla muta e mi sono detto perché non riprovarle sulla Les Paul ?

 

Tolte le Pyramid Classic Pure Nickel Round Core .010 / .046 dalla Les Paul (le ottime condizioni hanno facilitato la valutazione) ho montato le Gibson Brite Wires .010 / .046 ed ecco le mie impressioni:

  • Tenuta dell’accordatura: decisamente più rapide le Gibson nello stabilizzarsi e nel mantenere l’accordatura, forse dovuto anche al “core” esagonale. Una volta stabilizzate entrambe le marche offrono prestazioni simili (la standard 2008 ha le meccaniche auto-bloccanti).
  • Intonazione: anche in questo campo le Gibson sembrano leggermente migliori, ma di poco. Le Pyramid avendo il “round core” che offre maggiori oscillazioni della corda necessitano di una action maggiore e forse questo influenza il test.
  • Morbidezza: questo è il fattore per me più importante insieme al suono data la mia abitudine ai bending e alle patologie alla mano sinistra. Direi che la sensazione è “al contrario”, le Pyramid danno una sensazione di bassi morbidi e cantini duri, mentre invece le Gibson offrono i bassi più sostenuti e i cantini morbidi ai bending e molto piacevoli. Sicuramente il “round core” vs “hex core” è la causa di questa particolarità, in ogni caso le Gibson sono decisamente più comode per i bending pur avendo abbassato l’action.
  • Suono: ovviamente non è possibile paragonare i due prodotti così differenti. Sicuramente le Gibson sulla Les Paul sono più equilibrate tra alti e bassi; le Pyramid a causa del “pure nickel” tendono ad avere i bassi più cupi, meno definiti, il suono è più “caldo” pur mantenendo chiarezza e agressività sui distorti.

Le Brite Wires sono ora la scelta migliore per la mia Les Paul mente le Pyramid rimarranno in dotazione alla Ricocaster (sino a fine scorta) dove single coil e tastiera in acero ben si sposano con il suono caldo e nonostante la scala 25.50” risultano essere comunque morbide e ben bilanciate forse dovuto anche ai fret jumbo installati.

Quindi ai possessori di Les Paul direi di provare le corde standard di casa Gibson, potrebbe essere una piacevole scoperta.

Un abbraccio, Rico

Blues is easy to play, but hard to feel. (Jimi Hendrix)

Lascia un commento