Corde Gibson Brite Wires

Gibson-Brite-Wire-Strings-10-046-5-PackCome avrete letto di corde ne ho cambiate parecchie, ultimamente complici i negozi online tedeschi avevo scoperto le Pyramid. Buone corde ad un prezzo ragionevole.
Da sempre ho avuto un debole per le corde in puro nickel e le Pyramid ne offrono diversi tipi.

Ora vivendo alle Canarie, dove il regime fiscale particolare non facilita l’acquisto sul web, mi sono dovuto adattare per trovare una soluzione alla scorta che mi ero portato dall’Italia e che sta terminando.
Qui si trovano facilmente le corde Gibson Brite Wires a circa 4,50€ alla muta e mi sono detto perché non riprovarle sulla Les Paul ?

 

Tolte le Pyramid Classic Pure Nickel Round Core .010 / .046 dalla Les Paul (le ottime condizioni hanno facilitato la valutazione) ho montato le Gibson Brite Wires .010 / .046 ed ecco le mie impressioni:

Leggi tuttoCorde Gibson Brite Wires

i PLETTRI, questi sconosciuti

Dunlop Delrin 1.5mm
Dunlop Delrin 500 1.5mm

I plettri come le corde sono un’altra “economica” via per modificare il suono, sono anzi convinto che sia la cosa più importante anche se nella mia esperienza ho visto chitarristi non dare assolutamente importanza a questo piccolo oggetto che però sta tra noi e la chitarra …

Anche in questo caso esperienza è stile aiutano a definire il tipo più indicato. Negli anni ’80 usavo plettri medium, relativamente leggeri, ma negli ultimi 15 anni ho preferito utilizzare plettri “heavy” per passare poi agli “extra heavy” da uno spessore in millimetri da .96 a 1.5. Per capirci la misura di .96mm (o 1.0mm) è lo standard per plettri heavy. Oltre si passa agli extra heavy. Normalmente utilizzo i plettri da 1.5mm (Dunlop Delrin 500) ma anche da 1.17mm (Gibson Extra Heavy, che però si consumano in fretta) più vicini a quelli che considero in assoluto i plettri migliori che abbia mai utilizzato ovvero i D’Andrea Classic 1.20mm che sono attualmente impossibili da trovare nei normali canali commerciali. La reperibilità è un’altro fattore importante da considerare.

Leggi tuttoi PLETTRI, questi sconosciuti

Le corde – parte terza

alicestrings… terza ed ultima parte … 

Le marche più diffuse

Un breve elenco delle marche più diffuse, quasi tutte producono per chitarre elettriche, acustiche e classiche …

D’Addario, Dean Markley, DR, Ernie Ball, Dunlop, Elixir, Fender, GHS, John Pearse, Martin, 

Darco by Martin, SIT, Pyramid, Everly, Newtone, Savarez, Hannabach, Rotosound, Galli, Gibson, Thomastik-Infeld, La Bella, Godin, Luthier, Cleartone, Ken Smith, Curt Mangan, Snake Oil, Aranjuez, Aquila, R. Cocco, Red Brand, Gretsch, Adamas, Black Diamond, Royal Classics, Augustine, Worth, Alloy 5109, Savarez, Optima

 

Conclusioni

In conclusione le corde sono un’aspetto così personale del setup chitarristico che dare indicazioni è quasi impossibile.

Leggi tuttoLe corde – parte terza

Le corde – parte seconda

vincerayCenni tecnici

Ma veniamo alla parte che più ci interessa, ovvero quella tecnica. Analizzeremo i materiali e la struttura costruttiva per cercare di dare una maggiore informazione.

Scala di “durezza” dei materiali

Questa scala è importate per capire l’azione di usura delle corde nei confronti dei “frets” della chitarra e anche del tipo di suono che può nascere da una corda in relazione al metallo con cui è fatto l’avvolgimento. Nella valutazione deve essere considerata anche la forma dell’avvolgimento come spiegato più avanti.

  • Nickel 4.0 mohs
  • Iron 4.0 mohs
  • Steel 4.0-4.5 mohs
  • Cobalt 5.0 mohs
  • Stainless Steel 6.5 mohs – varies according to alloys
  • Hardened Steel 7.50-8.0 mohs
  • Chromium 8.5 mohs

Leggi tuttoLe corde – parte seconda