Blues

Mi sento un po in colpa, mi sembra di trascurare gli amici che ci hanno seguito su queste pagine, ma in tutta sincerità non ho tantissimo da raccontare per ora e come per molti, l’abbondanza di social network, Facebook in primis, assorbe quella parte di comunicazione breve e rapida.
Sto iniziando a scoprire il mondo dei concerti ed i sottobosco musicale dell’isola. Il primo concerto è stato bello, in un piccolo bar/pub a pochi chilometri da casa, e ricco di energia. Interessante anche la selezione dei brani non scontata e diversa da quelle che siamo stati abituati a sentire nell’italico stivale.
Il locale è il piccolo ma molto carino “El Muellito” a El Burrero, a circa 13km da casa, dove programmano buona musica si mangia divinamente a prezzi bassissimi molte specialità canare.
La formazione in gioco era composta da un chitarrista proveniente dalla “peninsula”, FERNANDO BEIZTEGUI,  che si avvaleva di un duo canaro veramente in gamba “LOS GUMBOS” una formazione chitarra e percussioni con il batterista percussionista validissimo cantante.
Ottima la tecnica chitarristica di Beitzegui e anche la voce.
Il secondo concerto in un locale sul Paseo di Las Canteras la spiaggia di Las Palmas, un locale questa volta solo “cervezeria” ovvero birreria “La Tasquita Cambullonera” dove si esibivano i “LOS GUMBOS” che ho potuto apprezzare appieno.
Mentre il terzo concerto proprio ieri sera sempre a “El Muellito” con l’armonicista MINGO BALAGUER sempre dalla “peninsula”.
Di questo concerto, seppur di buon livello, non sono rimasto entusiasta. A parte il sempre valido Alberto Gulias dei Los Gumbos alle percussioni, l’armonicista mancava di dinamica negli assoli di armonica e la voce non male era offuscata da una pessima pronuncia dell’inglese. Il suo chitarrista di fiducia è apparso anonimo e ripetitivo.
Insomma la scena musicale dell’isola sembra piuttosto viva per ora e promette molto bene per l’estate … mi suona strano dire estate quando sono vestito come in estate a Ferrara, chissà se mi abituerò !
C’è anche una “SOCIEDAD BLUES CANARIAS” sulla loro pagina hanno scritto una cosa giusta “le Canarie sono il crocevia tra gli Usa, l’Europa e l’Africa” e quindi il Blues qui ha un suo senso di essere amato e suonato. Mi piace la cosa, vivere in un ”crossroad” di genti e culture …
Un abbraccio, RicoBlues !

Lascia un commento